Sport

GABICCE MARE

Gabicce Mare è la località ideale per praticare tante attività sportive.

Grazie alla sua conformazione potrai scegliere:

  • sport acquatici, (pesca, nuoto, vela, surf, sub, snorkeling ecc);
  • quelli legati alla natura (trekking, bird watching, nordik walking ecc);
  • la nostra collina è il paradiso per gli amanti della bici e della moto;
  • abbiamo campi da tennis e calcetto con una vista unica sulla riviera adriatica;
  • campi da calcio, palestra, beach volley, ping pong e tanti altri.

Gabicce Mare di offre possibilità infinite per poter conciliare il relax della spiaggia con la voglia di fare attività durante la TUA vacanza!

Vedi mappa
Trovati 4 risultati
Vedi mappa
Elenco
Elenco
Griglia
Campi da Tennis a Gabicce Mare (via Panoramica) gestione Gruppo Albergatori Multiservizi.  Il centro sportivo è dotato di 4 campi da tennis (2 in terra e 2 in erba sintetica), 2 campi da calcetto in erba sintetica, servizio bar e ristorazione. 

Per informazioni rivolgersi al nuovo gestore:

FRANCO VALENTINI
CELL. 3313227856
valentinif63@gmail.com
Dettagli
Le colline del Monte San Bartolo si ergono di fronte al mare offrendo un balcone naturale dal morbido profilo. L'itinerario parte da Pesaro, percorre tutta la falesia fino a Gabicce Mare, per poi addentrarsi nei rilevi fra Marche e Romagna. Itinerario semplice, qualche difficoltà legata al traffico presente nella parte finale.

PARCO DEL SAN BARTOLO
VILLA CAPRILE
VILLA IMPERIALE
GRADARA

Come raggiungere Pesaro:
Dalla costa: autostrada A14 uscita Pesaro • indicazioni per mare, “Baia Flaminia”
Dall’entroterra: (da Roma) superstrada Fano Grosseto uscita Fano • autostrada A14 uscita Pesaro (da Urbino) S.p. 423 indicazioni Pesaro • a Pesaro indicazioni Mare, “Baia Flaminia”

Partenza: Il tour ha inizio a Pesaro, nel quartiere di Baia Flaminia, in prossimità del monumento posto all'imboccatura del fiume Foglia in riva sx. Sono presenti numerosi bar e la fontana è a ridosso del monumento.
Km. 0     Monumento di Baia Flaminia. Si percorre la pista ciclabile in riva sx del Fiume Foglia in direzione mare-monte.
Km. 0,7  Alla rotatoria si prende a dx per la “Strada Panoramica Adriatica” (S.p. 44). Dopo un semaforo la strada comincia a salire.
Km. 4,8   Sempre diritto [⬆️170] (a sx bivio per Villa Imperiale).
Km. 13,8 Si entra in Fiorenzuola di Focara [⬆️180]. La strada compie morbidi saliscendi.
Km. 17,1 Bivio sulla sx per S.S. 16, a dx per Casteldimezzo si continua diritto.
Km. 20,4 Si prosegue diritto (sulla dx bivio per Vallugola, incantevole approdo).
Km. 22    Si entra in Gabicce Monte [⬆️125].
Km. 22,8 Allo stop si prosegue a sx, in discesa. Sulla dx l'abitato di Gabicce Monte.
Km. 24,6 Allo stop a sx direzione Gradara.
Km. 24,7 Allo stop a dx direzione Gradara. Ci si trova sulla S.S. 16 [⬆️17].
Km. 25,7 Si abbandona la S.S. 16. Si esce a dx direzione Gradara.
Km. 25,9 Alla rotatoria si segue la direzione Gradara.
Km. 27,4 Alla piccola rotatoria si prosegue diritto direzione Gradara.
Km. 29,2 Abitato di Gradara [⬆️50].
Km. 29,4 Si gira a sx e poi subito a dx seguendo direzione “centro”. Dopo 50 m. di nuovo a sx seguendo sempre per il “centro”.
La strada sale verso il borgo.
Km. 30,2 Ingresso del Castello di Gradara [⬆️109]. Da questo punto si ridiscende per la stessa strada seguendo stavolta le indicazioni per Pesaro.
Km. 31,1 Si prosegue a sx direzione Pesaro, “Strada del vino” (segnaletica color marrone).
Km. 31,5 Si gira a dx seguendo la segnaletica “Strada del vino”.
Km. 32,4 Dopo l'autostrada, si abbandona la “Strada del vino”, si gira a dx direzione Pesaro e si costeggia la ferrovia.
Km. 33,2 Si gira a dx per via Babbucce (tunnel sotto autostrada). La strada sale.
Km. 35    Abitato di Babbucce [⬆️131]. Dopo 100 m. allo stop si prosegue a sx in strada Croce Babbucce.
Km. 35,2 Al bivio si prende a dx per Case Bruciate per la strada di San Germano.
Km. 37,1 Al bivio si gira a sx direzione Pesaro. Attenzione: discesa ripida con asfalto malagevole!
Km. 38    Ci si tiene sulla sx passando sopra l'autostrada.
Km. 39,4 Ci si immette sulla strada provinciale 131 a dx verso la discesa.
Km. 40    Segnaletica indicante l’abitato di Pesaro. Alla rotatoria si va a sx in direzione mare.
Km. 41,1 Alla rotatoria si prosegue diritto direzione mare.
Km. 42,6 Al semaforo ci si tiene sulla dx direzione mare.
Km. 43,1 Sulla sx Villa Caprile.
Km. 44,8 Si prende sulla sx la strada per Baia Flaminia appena prima del ponte sul fiume Foglia.
Km. 45,4 Ci si trova alla rotatoria in cima al porto canale. Si prosegue diritto attraverso la pista ciclabile
e si ritorna al punto di partenza (km. 46,1).

indicazioni turistiche

Parco del San Bartolo
La superficie tutelata del rilievo collinare ha un'estensione di circa 1.600 ettari e comprende un'area di notevole interesse sia dal punto di vista naturalistico che storico-culturale. La quota delle cime sfiora i 200 metri ma permette un'ampia visione sulla costa e sul mare e le falesie strapiombanti costituiscono un paesaggio marino inusuale per le nostre coste sabbiose. Alla base della falesia corre una sottile spiaggia di ciottoli derivante dalla demolizione e dal franamento delle pareti sovrastanti. Tali ciottoli, detti localmente "cogoli", venivano usati per la pavimentazione dei centri storici e delle vicine città costiere. Imperdibile, per i ciclisti, il percorso della strada panoramica che lo attraversa.
Informazioni: Ente Parco San Bartolo, tel. 0721 371075.

Villa Caprile
L'edificio, nato come luogo di villeggiatura (anno 1640), ozio e ricevimenti per volere del nobile Giovanni Mosca, da luogo elitario si trasformò in luogo pubblico aperto ai cittadini durante la Rivoluzione Francese, quando Pesaro faceva parte della Repubblica Cisalpina. Nel 1876 divenne sede della Scuola pratica di Agricoltura, che nel 1924 si trasformò in Scuola Agraria Media; oggi accoglie invece l'Istituto Tecnico Agrario. Il giardino botanico e i suoi settecenteschi giochi d'acqua possono essere visitati nei mesi estivi. 
Informazioni: Villa Caprile, tel. 0721 21440.

Villa Imperiale
Fu costruita a partire dal 1530 per assolvere le esigenze più tipiche del vivere in villa delle corti rinascimentali. L'edificio si configura come sovrapposizione di due momenti storici e di due realtà architettoniche: al corpo quattrocentesco voluto da Alessandro Sforza e rispondente ai canoni di un'architettura di fortificazione, se ne è sovrapposto un secondo, commissionato nel 1530 dai Della Rovere a Girolamo Genga. La villa è circondata da un giardino all'italiana di gusto rinascimentale. E' visitabile previa prenotazione.
Informazioni: I.A.T. - Ufficio Turistico Pesaro, tel. 0721 69341.

Gradara ⬆️142 ➡️15
La cittadina sorge sul crinale di un colle, a cavallo fra Romagna e Marche. La Rocca di Gradara rappresenta un magnifico esempio di architettura militare del XII-XIV sec. e domina, maestosa, il territorio sottostante. Voluta dalla Famiglia De Grifo, fu ingrandita ed abbellita nei secoli dai diversi feudatari che si succedettero: i Malatesta, gli Sforza, i Della Rovere. Oggi Gradara, oltre la monumentale Rocca, offre al visitatore anche la sua duplice cinta di mura e torrioni con le merlature e i camminamenti di ronda ricostruiti. Fra le mura, l'abitato conserva le sue antiche case e la Chiesa di San Giovanni Battista. Secondo una secolare tradizione nella Rocca Giovanni Malatesta, detto 'Lo Sciancato', avrebbe assassinato gli amanti Paolo Malatesta e Francesca da Polenta, vicenda immortalata nei celebri versi di Dante Alighieri. 
Informazioni: Pro Loco, tel. 0541 964115.
Dettagli
Ammira i nostri fondali! 
Può essere un'esperienza che ti regalerà emozioni uniche e che costa poco. Ti diamo alcuni consigli su come praticare in sicurezza lo snorkeling.

Grazie alla sua semplicità, lo snorkeling è uno degli sport acquatici più diffusi e praticati. La parola proviene dall’inglese “snorkel” che significa boccaglio, respiratore. Questa attività si pratica nuotando a faccia in giù a pelo d’acqua, respirando con un boccaglio, per ammirare i fondali marini e la vita sott’acqua attraverso una maschera che protegge gli occhi.

Bastano piccole precauzioni per praticare in sicurezza questa attività semplice ed economica. Per iniziare a praticarlo, troverai di seguito quale attrezzatura serve, poi ti daremo alcuni consigli utili per fare snorkeling in sicurezza!

Attrezzatura necessaria:
minimo indispensabile

Maschera
Boccaglio
Pinne


In base alla durata ed al periodo in cui si praticherà l'attività, è consigliabile aggiungere:

Muta
Giubbotto di galleggiamento
Boa segnaletica


Scegliamo la maschera giusta!
Per fare snorkeling importantissimo avere una buona maschera. Per cui fai le cose con calma quandola vai a comprare. Meglio la mascherina degli occhiali, anzi prendi una maschera da snorkeling che copra anche il naso. Fai attenzione che si adatti perfettamente al tuo viso, perché sicuramente facendo snorkeling il tempo passerà senza che te ne accorgi e starai in acqua per ore.
Ricorda di lavarla bene la prima volta perchè quelle nuove hanno uno strato protettivo chimico che va rimosso!

Boccaglio con valvola o senza?
Per praticare lo snorkeling senza disagi, anche la scelta del boccaglio è importante. Dovrà avere dimensioni adeguate per la tua bocca e della grandezza della testa. Dovrai valutare se comprare uno snorkel con valvola di spurgo o senza. lo snorkel con la valvola lo usano generalmente i professionisti, ma è davvero una questione di abitudine e di come uno si trova meglio. In pratica, alcuni boccagli hanno una valvola che permette di espellere l’acqua entrata nello snorkel da una valvola frontale, invece che dal boccaglio stesso. La valvola richiede una capacità polmonare maggiore e serve un po' di pratica all’inizio per espellere l’acqua. 

Pinne, muta, giubbotto e boa per lo snorkeling:
Se le pinne non richiedono particolare attenzione nell’acquisto (basta che siano della misura giusta), va fatta una valutazione attenta per la muta e il giubbotto di galleggiamento. Anche se sai nuotare bene, stare ore in acqua può risultare stancante. È indispensabile per chi fa snorkeling avere un giubbotto di galleggiamento perché aiuta tantissimo a mantenere le forze e ormai sono davvero poco ingombranti.

Lo stesso ragionamento riguarda la muta da sub da usare per lo snorkeling. Come dicevamo prima, facendo snorkeling passerai ore in mare: il tuo corpo disperde calore in acqua e al tempo stesso i raggi solari possono ustionarti. Inoltre, potresti avere contatti spiacevoli con meduse o altri pesci che possono provocare reazioni urticanti. Quindi, l’acquisto o anche il semplice affitto di una muta, va considerato.

La boa, infine, è indispensabile: serve a segnalare alle barche che c’è una persona in immersione.

I nostri consigli su come fare snorkeling in sicurezza:
Quando si fa snorkeling, si è osservatori del mare e dei suoi fondali. 
Siccome lo snorkeling è osservazione dei fondali marini e non pesca subacquea, non ti portare dietro attrezzi da pesca che sarebbero solo ingombranti. È bene evitare di toccare pesci, fondali e coralli, perché potresti danneggiare l’ambiente marino, ma anche metterti in contatto con organismi urticanti o a cui puoi essere allergico.

Conosci una guida esperta locale? Affidati a lui! Non si tratta solo di aiutarti in termini di sicurezza, ma vedrai che una guida saprà anche darti consigli su dove fare snorkeling e in quali ore della giornata, per poter incontrare determinati pesci o per ammirare i fondali con la luce solare giusta. A questo proposito se vai al "circolo dei marinai" sul porto di Gabicce Mare vicino al grande faro, troverai sicuramente qualche vecchio lupo di mare in pensione e non, che potrà darti qualche dritta!

Infine, non dimenticarti che stando tanto tempo ad ammirare i fondali, non sarai sempre attento a cosa succede attorno a te, sopra la superficie. Quindi, se hai compagnia in spiaggia, indicagli dove andrai a fare snorkeling e a che ora prevedi di tornare, potrà sorvegliare sulla tua sicurezza anche da sotto l’ombrellone!


N.B. Un doveroso ringraziamento a Leonardi Maurizio che è l'autore dei bellissimi scatti
Dettagli
#labandadelsanbartolo 
è un gruppo spontaneo di camminatori e appassionati di trekking che organizza camminate nei luoghi più suggestivi della nostra zona e in particolare seguendo i sentieri del Parco Naturale del Monte San Bartolo. Ogni settimana l'appuntamento in piazza del Municipio a Gabicce Mare per una nuova avventura immersi nella natura.

N.B: trattasi di attività no/profit, ognuno è responsabile di se stesso e deve avere rispetto e attenzione per gli altri, l’attività si svolge all’aperto ed è possibile rispettare raccomandazioni comportamentali emanate in questi giorni.
Dettagli